Vai al contenuto

Aree di emergenza

Secondo quanto previsto dal Manuale Operativo OPCM n. 3606 del 28 agosto 2007, nella pianificazione comunale è necessario individuare aree, all'interno del territorio comunale, destinate a scopi di protezione civile ciascuna aree di emergenza deve essere in cartografia alla scala 1:10.000 (su supporto cartaceo e cartografia digitale) utilizzando la simbologia tematica proposta a livello nazionale.

Le aree di emergenza si distinguono in tre tipologie:

  • Aree di attesa: Luoghi dove la popolazione si può radunare a seguito di un evento, autonomamente o in base alle disposizioni del Sindaco. In tali aree la popolazione riceverà le prime informazioni sull'evento e i primi generi di conforto in attesa di essere sistemati in strutture più adeguate.
  • Aree di accoglienza: sono strutture coperte sia pubbliche che private in grado di poter accogliere la popolazione allontanata dalle proprie abitazioni.
  • Aree di ammassamento soccorso: quei luoghi di raccolta di uomini e mezzi necessari alle operazioni di soccorso alla popolazione.
  • Punto medico avanzato: luogo idoneo ad accogliere un centro medico avanzato.

Nella figura seguente è riportato uno screen shot della TAV. N. 05 - Aree di emergenza del vigente Piano comunale di protezione civile.

Accessibility